Circa la ripresa degli allenamenti!

ATTENZIONE! Entro la fine del mese di Aprile si terrà un Consiglio Nazionale EISI che prenderà in esame ipotesi ripartenza allenamenti. Si comunica quindi di non assumere la responsabilità di riprendere iniziative senza che vi siano le necessarie condizioni e le decisioni del consiglio che sarà nostra cura comunicare.

Avviso del 23 marzo 2021 – In sintesi le principali misure destinate al settore sportivo

Avviso del 23 marzo 2021

Con il Decreto-Legge n. 41 del 22 marzo 2021, il Governo ha approvato le misure a sostegno dei settori economici e lavorativi più direttamente interessati dalle misure restrittive adottate per la tutela della salute in considerazione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 ancora in atto.

In sintesi le principali misure destinate al settore sportivo:

  • Indennità in favore dei lavoratori sportivi (art. 10, comma 10): vengono stanziati 350 milioni di euro in favore dei lavoratori sportivi che abbiano cessato, ridotto o sospeso la loro attività. Si considerano cessati a causa dell’emergenza epidemiologica anche tutti i rapporti di collaborazione scaduti entro la data del 30 dicembre 2020 e non rinnovati. La misura è stata rimodulata in modo da prevedere un contributo forfettario basato sul reddito da lavoro sportivo, percepito nell’anno 2019, dichiarato a Sport e Salute dai beneficiari al momento della presentazione della domanda nella piattaforma informatica. Sono previsti i seguenti scaglioni:
      1. € 3.600 se i compensi da lavoro sportivo relativi all’anno fiscale 2019 superano i 10.000 € annui;
      2. € 2.400 se i compensi sono compresi tra i 4.000 ed i 10.000 euro annui;
      3. € 1.200 se i compensi sono inferiori a € 4.000 annui.

L’indennità è erogata da Sport e Salute. Il numero stimato di beneficiari è circa 190 mila persone, cui si aggiungono le nuove domande.

  • Misure di sostegno ai lavoratori della montagna (art. 2): presso il Ministero dell’economia e delle finanze viene istituito un fondo di 700 milioni di euro per l’anno 2021 destinato alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano in favore dei soggetti economici operanti negli sport invernali in montagna. In particolare, una percentuale non inferiore al 70% del finanziamento è destinata ai comuni montani che, nell’anno 2019, abbiano registrato presenze turistiche in numero almeno tre volte superiore a quello dei residenti negli stessi comuni, in ragione dei titoli di accesso a impianti di risalita a fune esistenti in ciascun comune venduti nell’anno 2019. La restante percentuale è distribuita agli altri comuni dei medesimi comprensori sciistici, ai maestri di sci iscritti agli albi e alle scuole di sci.
  • Contributo a fondo perduto in favore degli operatori economici (art.1): il decreto stanzia oltre 11 miliardi di euro per l’introduzione di una serie di misure a sostegno degli operatori economici (imprese, artigiani o professionisti) titolari di partita iva con un fatturato inferiore ai 10 milioni che abbaino avuto perdite a causa dell’epidemia, nel secondo periodo di imposta antecedente l’entrata in vigore del Decreto-Legge. Viene superato il sistema dei codici Ateco precedentemente utilizzato. La quantificazione degli indennizzi avviene mediante comparazione del fatturato o dei corrispettivi medi dell’anno 2020 con quelli del 2019; il contributo viene quantificato su una percentuale della differenza tra i due periodi e calcolato a seconda del volume dei ricavi o compensi, privilegiando i soggetti più “piccoli”. Di questa misura potranno beneficiare gli operatori economici del settore sportivo, quali palestre o piscine costituite in forma societaria, o lavoratori sportivi titolari di partita iva. L’Agenzia delle entrate è l’ente a cui è affidata l’erogazione dei contributi a fondo perduto.
  • Alle misure specificamente indirizzate al mondo dello sport e agli operatori ad esso collegati, sono pertanto destinati circa 1 miliardo di euro. A queste vanno ad aggiungersi le somme destinate alla misura in favore dei titolari di partita Iva, operatori dello sport inclusi, e quelle destinate ad altre misure generali, come quelle previste per la riduzione delle bollette elettriche non ad uso domestico.

L’art. 30 del decreto-legge prevede infine la modifica della decorrenza delle misure previste dai decreti legislativi nn. 36, 37, 38, 39 e 40 del 28 febbraio 2021 di riforma dello sport.

Aggiornamenti Bonus Collaboratori Sportivi

(dalla pagina facebook di Sport e Salute)
Aggiornamenti Bonus Collaboratori Sportivi: decreto Sostegni
Dopo la pubblicazione della lettera aperta del 17 marzo, vi aggiorniamo sulle norme riguardanti il bonus contenute nel Decreto Sostegni appena pubblicato nella Gazzetta Ufficiale e sulle procedure da seguire per l’erogazione.
1. – È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41 (c.d. Decreto Sostegni), contenente la normativa per l’erogazione del bonus ai collaboratori sportivi.
2. – La normativa, prevista dall’articolo 10 (commi da 10 a 15), stabilisce che Sport e Salute eroghi automaticamente l’indennità ai soggetti già beneficiari della medesima indennità per i quali persistano i requisiti.
3. – In analogia con la procedura seguita per l’erogazione automatica relativa alle mensilità precedenti, i collaboratori sportivi già beneficiari dovranno confermare, nella piattaforma informatica, che l’attività relativa al rapporto di collaborazione sia cessata, ridotta o sospesa a causa del COVID (a tal fine, si considerano cessati a causa dell’emergenza epidemiologica anche tutti i rapporti di collaborazione scaduti entro la data del 30 dicembre 2020 e non rinnovati), nonché di non essere beneficiari di altri redditi, quali:
1) reddito di cittadinanza ai sensi del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2019, n. 26,
2) reddito di emergenza di cui all’art.82 del decreto-legge 19 maggio 2020, n.34,
3) redditi da lavoro autonomo di cui all’art. 53 TUIR,
4) redditi da lavoro dipendente e assimilati di cui agli artt. 49 e 50 TUIR,
5) pensioni di ogni genere e gli assegni ad esse equiparati, con esclusione dell’assegno ordinario di invalidità di cui alla legge 12 giugno 1984, n.222;
6) prestazioni di cui agli articoli 19, 20, 21, 22, 27, 28, 29, 30, 38 e 44 del decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, così come prorogate e integrate dal decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, dal decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, convertito con modificazioni, dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126, dal decreto legge 28 ottobre 2020, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre 2020, n. 176, e dal presente decreto.
A tal fine, tutti i beneficiari, con eccezione dei soggetti per i quali si è registrata un’incoerenza con i dati comunicati dall’INPS, riceveranno a breve una mail per l’accesso in piattaforma. Contestualmente, l’accesso sarà possibile anche con le modalità descritte sotto.
4. – L’ammontare dell’indennità è determinato come segue:
a) ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura superiore ai 10.000 euro annui, spetta la somma di euro 3.600;
b) ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura compresa tra 4.000 e 10.000 euro annui, spetta la somma di euro 2.400;
c) ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura inferiore ad euro 4.000 annui, spetta la somma di euro 1.200.
Ai fini della determinazione dell’ammontare dell’indennità, Sport e Salute utilizza i dati dichiarati dai beneficiari al momento della presentazione della domanda nella piattaforma informatica prevista dall’articolo 5 del decreto del 6 aprile 2020 del Ministro dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministro per le politiche giovanili e lo sport. Non è possibile modificare tale dichiarazione.
PROCEDURA PER ACCESSO IN PIATTAFORMA
Per accedere alla piattaforma si prega di seguire attentamente le seguenti indicazioni:
1) prendere appuntamento per l’accesso in piattaforma inviando un SMS con il tuo codice fiscale al numero 339.9940875
2) accedere alla piattaforma al seguente link: https://curaitalia.sportesalute.eu/accesso

3) per accedere alla piattaforma è necessario inserire: il proprio codice fiscale (tutto maiuscolo e tutto attaccato), la password scelta in fase di registrazione e il codice univoco ricevuto via SMS.
3.1) se ha dimenticato la password, clicchi qui: https://curaitalia.sportesalute.eu/nuovaPassword

a) inserisca il suo codice fiscale scritto tutto maiuscolo e tutto attaccato;
b) controlli l’e-mail: troverà un messaggio inviato da parte di Cura Italia, contenente il link per chiedere una nuova password;
4) una volta ottenuto l’accesso alla piattaforma, segua le indicazioni in home page;
5) una volta confermato l’invio, la procedura si considererà conclusa e sarà rindirizzato alla pagina iniziale.
Per eventuale supporto nell’accesso alla piattaforma è possibile contattare il numero 06.32722020, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 17:00.

Nominato il nuovo Consiglio Nazionale EISI

Comunicato Stampa per la 1ª ASSEMBLEA NAZIONALE EISI

Tutte le Federazioni e gli Enti di Promozione Sportiva aderenti al CONI e al CIP, entro il 15 marzo devono effettuare i rispettivi Congressi Nazionali o Assemblee Nazionali per il rinnovo delle cariche elettive. L’ Ente Italiano Sport Inclusivi (EISI), evoluzione dell’Associazione Baskin, riconosciuto dal CIP (Comitato Italiano Paralimpico), ha svolto la propria assemblea nazionale in modalità online giovedì 11 marzo. La diffusione sul territorio nazionale vede affiliate 98 Associazioni Sportive Dilettantistiche così suddivise: 8 in Toscana, 26 in Lombardia, 14 in Veneto, 7 in Piemonte, 1 in Valle D’Aosta, 7 in Sicilia, 6 in Friuli, 4 in Campania, 2 in Liguria, 5 nelle Marche, 13 in Puglia, 3 in Emilia Romagna, 1 in Basilicata e Sardegna. Dopo la relazione del Presidente uscente Iachetti Goffredo, hanno portato il loro saluto non formale il Presidente del CIP Luca Pancalli, il Sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, l’assessore allo sport di Cremona Luca Zanacchi. L’evoluzione di questa nuova modalità di fare sport che ha trovato spiegazione nella relazione del presidente Iachetti a partire dal riconoscimento ad Antonio Bodini e Fausto Capellini come ideatori ed iniziatori di questa innovativa esperienza, ha poi trovato riscontro nelle parole del Presidente del CIP Luca Pancalli che ha voluto confermare come il riconoscimento conferito all’EISI nell’ottobre del 2019 da parte dello stesso CIP, stia nell’aver voluto riconoscere il valore di quanto fatto e che oggi, tramite questo nuovo ente EISI, permette e permetterà ancor più in futuro, di sviluppare una nuova modalità inclusiva finalizzata a coinvolgere sullo stesso campo sia giocatori normodotati sia giocatori con disabilied anche obbligatoriamente sia maschi che femmine. Il sindaco Galimberti e l’assessore Zanacchi hanno sottolineato con orgoglio come il tutto sia nato a Cremona ma di come oggi il movimento sia cresciuto ed abbia trovato in Italia e non solo, una progressiva e costante diffusione.

I risultati delle votazioni, hanno visto la riconferma sostanzialmente unanime del cremonese Goffredo Iachetti come Presidente Nazionale ed anche del collegio dei sindaci nelle persone del Dott. Andrea Gamba, Dott.ssa Rachael Oluwabunmi Oluwayemisi e del Rag. Daniele Zanotti. Numerose le candidature per il consiglio a conferma della diffusione territoriale che ha raggiunto questo nuovo ente ed i consiglieri risultati eletti trovano una riconferma in cinque cremonesi, prima erano nove (ricordiamo come non solo l’attività sia nata a Cremona ma come anche la sede nazionale sia a Cremona e quindi trovi qui il cardine del coordinamento e di disbrigo di ogni adempimento) nelle persone di Bodini Antonio, Capellini Fausto, Bodini Marianna, Carini Laura, Cigoli Antonio; a dimostrazione della diffusione territoriale e della fondamentale presenza di altre presenze di rilievo per la crescita di questo movimento, a completare il quadro del consiglio sono stati eletti anche Baroni Renato (Lombardia Nord), Battaglia Giuseppe (Sicilia), Filippone Gaetano (Piemonte), Leobono Anna Maria (Puglia), Lolli Daniele (Emilia Romagna), Miola Sira (Veneto), Orsi Gianluca (Toscana) e Ricetto Martina (Friuli).

Assemblea elettiva 11 marzo 2021 – Indicazioni circa le votazioni e Candidati

VOTAZIONI: le votazioni si svolgeranno in modalità online con votazioni segrete, separate e successive ed alle società partecipanti, alla mail indicata all’atto dell’affiliazione, verranno inviate le credenziali per la votazione.

Potranno votare il Presidente o un suo delegato facente pare del Consiglio Direttivo: questi dovranno essere maggiorenni, possedere piena capacità di agire ed essere tesserati all’EISI. Le società votanti sono quelle regolarmente affiliate all’EISI alla data del 05/02/2021 il cui elenco si trova sulla lettera di convocazione all’Assemblea che si trova anche sul sito www.eisi.it. L’eventuale delega del Presidente deve pervenire alla mail sportinclusivi@pec.it entro le ore 14 del 10/03/2021 su carta intestata dell’associazione a firma del Presidente indicando anche la mail del delegato.

Anche l’eventuale delega ad un’altra ASD (ogni ASD può avere una sola delega) deve pervenire alla mail sportinclusivi@pec.it entro le ore 14 del 10/03/2021 su carta intestata dell’Associazione a firma del Presidente indicando la mail del delegato.

L’Assemblea elettiva sarà legalmente costituita in seconda convocazione con la partecipazione di almeno 1/3 delle società aventi diritto che sono 86, quindi con la partecipazione di almeno 29 società.

Per la votazione del Presidente Nazionale si potrà esprimere una sola preferenza ed il candidato che raggiungerà il 50% + 1 dei voti risulterà eletto. In caso di parità fra due o più candidati si procederà al ballottaggio. Il Presidente, anche in caso di ballottaggio, è eletto con la maggioranza assoluta dei voti dei presenti.

Per la votazione dei Consiglieri Nazionali si potranno esprimere al massimo 12 preferenze (i Consigliere eletti saranno 13 come stabilito nell’ultimo Consiglio Nazionale).

In caso di parità fra due o più candidati si procederà al ballottaggio.

Le schede di votazione con più di 12 preferenze saranno considerate nulle.

Tra i consiglieri, sempre che vi siano candidature, almeno uno deve essere rappresentante del sesso minoritario e uno con disabilità e sempre che vi siano candidature devono essere rappresentate almeno due discipline che, fino ad ora, sono state riconosciute: Baskin, Calciobalilla Inclusivo e Ginnastica per tutti inclusiva.

Per la votazione del Presidente del Collegio Sindacale e dei membri del Collegio Sindacale si potrà esprimere una sola preferenza. Saranno eletti i candidati che riceveranno il maggior numero di voti; in caso di parità fra due o più candidati si procederà a nominare il candidato più anziano di età.

Elenco Candidature

Nuove opportunità di finanziamento

Lo scorso 10 febbraio “SPORT e SALUTE S.p.A ha preparato un piano integrato di misure di sostegno sociale e di servizio grazie al quale, attraverso gli Organismi Sportivi, intende aiutare la ripartenza delle società e delle associazioni sportive (SSD/ASD) dopo i mesi più difficili della pandemia, con un’attenzione particolare all’attività di base, ovvero il cuore della missione societaria. L’intervento vale complessivamente 7,5 milioni di euro.”

https://www.sportesalute.eu/primo-piano/2429-interventi-per-aree-disagiate-categorie-vulnerabili-sostegno-sociale-e-servizi-al-mondo-sportivo.html

 

Sono stati pubblicati:

  • quattro avvisi (scadenza 30 marzo) a cui possono partecipare solo le Federazioni, Enti di Promozione Sportiva e Associazioni Benemerite suddivisisi per i seguenti temi:
  • Salute
  • Formazione
  • Tech-digitalizzazione
  • Impianti sportivi
  • Due avvisi per le ASD/SSD: ( presentazione a partire dal 15 marzo sino al 30 giugno, chi prima arriva meglio si accomoda);
    • SPORT DI TUTTI INclusione
    • SPORT DI TUTTI – quartieri

Corso di in-formazione sul baskin organizzato nelle scuole bresciane

71 sono stati gli insegnanti che hanno partecipato al primo corso di formazione per docenti di Educazione Fisica, di Scienze Motorie e di Sostegno in servizio nelle scuole di ogni ordine e grado “Il Baskin a scuola” organizzato dall’EISI (Ente Italiano Sport Inclusivi) in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Brescia.

Più precisamente hanno aderito alla proposta 17 docenti della Primaria, 30 docenti della Secondaria I grado, 24 docenti della Secondaria II grado.

La prima parte del corso si è tenuta online in due incontri: nel primo la Prof.ssa Sira Miola ha presentato la storia del baskin e dello sport inclusivo partendo dallo Statuto dell’EISI, passando al Concetto di Inclusività e del “Design for all” con attenzione anche alla legislazione di riferimento nella scuola.

Gianluca Bacchi, nel secondo appuntamento, ha ripreso i concetti del primo incontro soffermandosi sul Regolamento e sui ruoli del baskin anche con la visione di spezzoni di filmati di gioco.

Nel gruppo dei formatori anche Fausto Capellini, che ha ripreso il concetto di sport progettato per tutti.

Appena sarà possibile il corso si concluderà con una lezione in presenza in palestra in una scuola che ha già le attrezzature necessarie.

Si ringrazia per l’attenta organizzazione la prof.ssa Monica Buizza, Referente territoriale per il supporto e sostegno alle attività per il benessere psico-fisico nelle scuole di Brescia dal 2019 che ha proposto il corso contribuendo così alla diffusione del baskin e della cultura dello sport inclusivo.

Contributo a fondo perduto per ASD/SSD. Modalità per la richiesta di riesame relativa alle domande di novembre 2020

http://www.sport.governo.it/it/emergenza-covid-19/contributi-a-fondo-perduto-in-favore-delle-societa-e-associazioni-sportive-dilettantistiche/scadenza-novembre-2020/notizie/contributo-a-fondo-perduto-per-asdssd-modalita-per-la-richiesta-di-riesame-relativa-alle-domande-di-novembre-2020/?fbclid=IwAR07A-hNi4xheFdzEBxy6PisjEL2qLJ-clcerkf7k2dGgC_kCxqpW8NjxaE